| categoria: attualità

Zaia: “Mascherina non è vezzo, se contagi ripartono richiudiamo tutto”

zaia_mascherina_veneta_usregione-1

“Chi non rispetta le regole, chi non usa le mascherine e il distanziamento sociale, abbia rispetto per i 1820 morti che il coronavirus ha fatto in Veneto“. Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia oggi nel corso del punto stampa in cui ha sottolineato che: “Stiamo seguendo anche con un po’ di ansia questa apertura importante iniziata ieri perché ci sono arrivate un sacco di foto e di filmati dei centri città con movide a cielo aperto. Così non può andare – ha stigmatizzato duramente il governatore del Veneto- l’uso della mascherina non può essere visto come una coercizione ma un piccolo sacrificio, che salvaguardia la salute: la mascherina è un salvavita”.

E ancora: “La mascherina non è un vezzo, la mascherina salva la vita  e bisogna indossarla sempre. D’altra parte se tra una decina di giorni ci sarà una recrudescenza e un aumento delle infezioni si tornerà a chiudere bar, ristoranti, spiagge, e industrie. Bisognerà tornare a chiudere tutto”, ha ammonito Zaia annunciando che siamo arrivati a 524582 tamponi; scendono le persone in isolamento, calate a 3639, 231 in meno da ieri; i positivi sono 18997, 47 in più, mentre calano i pazienti ricoverati in ospedale, scesi a 577, 15 in meno da ieri, così come quelli in terapia intensiva, oggi sono solo 44, di cui 18 i positivi, rispetto ai 99 del 3 maggio scorso, 3201 i dimessi, 14 in più da ieri, mentre 1820 sono i decessi in totale , di cui 1329 in ospedale, 7 da ieri”.

Ti potrebbero interessare anche:

Monti: "Io non sono la stampella di nessuno"
Evo Morales a Roma. Il presidente della Bolivia a lezione alla Sapienza
Parigi, 50mila euro in cambio dei video dell'orrore
Trump-Clinton, vince Hillary ma manca il colpo del Ko
Sala: "Nulla sarà come prima"
Scuola, Speranza: "Test sierologici obbligatori? Convinto che gli insegnanti li faranno"



wordpress stat