| categoria: attualità

Gori: “Test e tamponi siano a carico della Regione”

Gori: Test e tamponi siano a carico della Regione

“Penso che debba essere un costo del servizio sanitario regionale l’abbinamento di test sierologici e tamponi, questa accoppiata di strumenti è la chiave della profilassi e della protezione personale. Costa tanto ma è una priorità”. Così Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, in collegamento con Agorà con Rai3.

Parlando di riaperture, qual è la situazione ora a Bergamo? “Non siamo in grado di fare i tamponi a tutti. C’è una situazione molto disordinata, ci sono code e liste di attesa per fare a pagamento i test. Quindi abbiamo riaperto quasi tutto con il rischio elevato di non riuscire ad individuare per tempo i nuovi casi positivi, è una rincorsa”, spiega.

Sulla disponibilità dei reagenti per i tamponi, “mi chiedo perché lo Stato e la Regione non si siano dati da fare per procurarsi i reagenti nei tempi utili ad avere molti più tamponi già ad aprile, marzo, quando servivano”.

“Io credo che in questa crisi tanti abbiano sbagliato, abbiamo sbagliato anche noi, anche io per la mia parte quando ho sottovalutato a febbraio la gravità della situazione, ha sbagliato anche la Regione Lombardia – osserva – Ed è sbagliato che a qualunque critica il presidente della Regione e gli assessori rispondano scocciati dicendo che è propaganda. Credo sia possibile sviluppare una critica pacata, rispettosa tenendo conto anche delle enormi difficoltà che la Lombardia ha dovuto affrontare. Quindi si può discutere”.

Ti potrebbero interessare anche:

Colle in rosa? Sale la candidatura Bonino, ma resiste il Napolitano-bis
Vaticano, è spareggio conclave. L'esito in mano agli indecisi
Renzi: entro tre anni cancelleremo vergogna Terra dei Fuochi
Premio Nobel per la pace al premier etiope Abiy Ahmed Ali
Coronavirus, Bertolaso ricoverato al San Raffaele
Sindaco di Messina: "Ho mandato un mazzo di rose al ministro Lamorgese"



wordpress stat