| categoria: attualità

Gori: “Test e tamponi siano a carico della Regione”

Gori: Test e tamponi siano a carico della Regione

“Penso che debba essere un costo del servizio sanitario regionale l’abbinamento di test sierologici e tamponi, questa accoppiata di strumenti è la chiave della profilassi e della protezione personale. Costa tanto ma è una priorità”. Così Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, in collegamento con Agorà con Rai3.

Parlando di riaperture, qual è la situazione ora a Bergamo? “Non siamo in grado di fare i tamponi a tutti. C’è una situazione molto disordinata, ci sono code e liste di attesa per fare a pagamento i test. Quindi abbiamo riaperto quasi tutto con il rischio elevato di non riuscire ad individuare per tempo i nuovi casi positivi, è una rincorsa”, spiega.

Sulla disponibilità dei reagenti per i tamponi, “mi chiedo perché lo Stato e la Regione non si siano dati da fare per procurarsi i reagenti nei tempi utili ad avere molti più tamponi già ad aprile, marzo, quando servivano”.

“Io credo che in questa crisi tanti abbiano sbagliato, abbiamo sbagliato anche noi, anche io per la mia parte quando ho sottovalutato a febbraio la gravità della situazione, ha sbagliato anche la Regione Lombardia – osserva – Ed è sbagliato che a qualunque critica il presidente della Regione e gli assessori rispondano scocciati dicendo che è propaganda. Credo sia possibile sviluppare una critica pacata, rispettosa tenendo conto anche delle enormi difficoltà che la Lombardia ha dovuto affrontare. Quindi si può discutere”.

Ti potrebbero interessare anche:

Cosentino in aula per l'ultimo voto. "Quasi quasi vado da Santoro..."
Rogo Thyssenkrupp, quarto dirigente condannato si presenta in commissariato
TERREMOTO/ Il sindaco di Rieti, non abbiamo gravi danni
Dj Fabo, Marco Cappato indagato per aiuto al suicidio
Nucleare: Kim propone incontro a Trump, presidente Usa accetta
Papa: "Non abbandoniamo ciò che conta, il resto passa"



wordpress stat