| categoria: attualità

Covid, l’epidiemologo: “Non esiste patente di immunità”

movida

“Sono fortemente contrario ai passaporti sanitari o alla patente d’immunità. Un recente editoriale su ‘Nature’ ha preso una posizione fortemente negativa sull’introduzione di questi documenti, creerebbe una discriminazione tra cittadini e consentirebbe solo ad alcuni immuni di muoversi o di accedere ai posti di lavoro. I test su cui dovrebbero basarsi, non sono accurati e ci sono molti falsi negativi. E poi non sappiamo quanto durano questi anticorpi e che protezione conferiscono”. Lo ha affermato Paolo Vineis, epidemiologo e vicepresidente del Consiglio superiore sanità (Css), ospite di ‘Agorà’ su Rai3.

Ti potrebbero interessare anche:

Contrordine, la Tares non slitta più
Il pm di Bari "in trasferta" a Roma. Si è occupato anche di Mps?
Crolla parte palazzina nel palermitano, morta una donna
Banda ultra larga è per pochi: il 15% degli italiani, nei quartieri migliori dei capoluoghi
GRECIA/ L'astensionismo sfiora il 40%
Immigrati, oltre 70 corpi nel tir trovato in Austria



wordpress stat