| categoria: economia

EasyJet taglierà fino a 4500 posti di lavoro

EasyJet taglierà fino a 4500 posti di lavoro

La compagnia aerea low-cost EasyJet, con sede in Gran Bretagna, ha annunciato di voler ridurre la propria forza lavoro fino al 30% a causa della pandemia di coronavirus. I tagli si tradurrebbero in un massimo di 4.500 posizioni a tempo pieno, ma il vettore non ha pubblicato alcun numero. Il vettore ha recentemente annunciato che si aspettava di riprendere i voli il 15 giugno, concentrandosi inizialmente sui voli nazionali in Gran Bretagna e Francia. La flotta è stata completamente bloccata il 30 marzo. “Ci aspettiamo che la domanda si sviluppi lentamente, tornando ai livelli del 2019 solo tra circa tre anni”, ha spiegato l’amministratore delegato Johan Lundgren.

Nel contesto dell’allentamento delle restrizioni di viaggio, il vettore si attende un aumento delle prenotazioni e ha sottolineato che “le indicazioni della domanda per l’estate 2020 stanno migliorando, anche se da una base bassa”. easyJet ha spiegato che prevede di ridurre la sua flotta di 51 aerei per un numero di circa 302 alla fine del prossimo anno. La misura prevede il rinvio delle consegne di nuovi aerei.

Ti potrebbero interessare anche:

Telecom, Patuano smentisce l'aumento di capitale e i contatti con Sawiris
Prezzo del latte, gli allevatori respingono la proposta dell'industria
Commissione Ue: Italia fonte di potenziali pericoli per l'Eurozona
FERRARI: CONTI RECORD MA SU TARGET 2022 CROLLA IN BORSA
Il Giambellino prova a rialzarsi con un fondo per l'emergenza
Fase 2, Speranza firma il decreto con criteri monitoraggio



wordpress stat