| categoria: Dall'interno

POSTCOVID/ A Viterbo l’8 giugno riparte Terme dei Papi

Di WANDA CHERUBINI

VITERBO- “La riapertura di terme e centri benessere è un’ottima notizia e da oggi, dunque, anche questo settore può guardare alla ripresa, sia pure con tutte le difficoltà legate alle limitazioni imposte dalla situazione sanitaria”. Lo dichiara Giulio Marini, responsabile Turismo nel Lazio di Forza Italia, che aggiunge: “Da una parte, l’adeguamento delle strutture ha avuto costi non indifferenti e, dall’altra, la diversa organizzazione dell’afflusso di clienti, per il distanziamento sociale, ridurrà il numero degli ospiti e, quindi, gli introiti. Per questo, ribadiamo la necessità di un sostegno vero e immediato a queste imprese: da mesi, ormai, sentiamo parlare di milioni a disposizione delle aziende, ma in concreto la liquidità, finora, non è stata garantita praticamente a nessuno”. Marini lancia poi un appello a Governo e Regione, affinché “dalle parole si passi subito ai fatti: due mesi e mezzo di blocco delle attività hanno messo in ginocchio gli operatori e la ripartenza, peraltro con margini di guadagno molto ridotti, non basta, se non verrà accompagnata dalle istituzioni. La preoccupazione espressa dal presidente di Confindustria, per la mancanza di una strategia generale per il rilancio del sistema Paese, è la stessa di tanti piccoli e medi imprenditori, che si sentono abbandonati dallo Stato. Ma questo non è il momento della polemica e, dunque, ancora una volta, chiediamo, in primis al presidente della Regione Lazio, di far sì che almeno gli sbandierati finanziamenti a tasso zero siano erogati subito, così come le annunciate misure economiche per il settore turismo si trasformino rapidamente in soldi sui conti correnti degli operatori in difficoltà. Lo chiediamo con forza, perché abbiamo davanti un quadro molto preoccupante, che può diventare tragico in poche settimane: o si aiutano in modo serio le imprese dei settori del turismo e dell’ospitalità o il crollo di questi comparti trascinerà fondo l’economia della nostra Regione, con conseguenze sociali devastanti”.
Ma a Viterbo le terme dei Papi non hanno ancora riaperto, lo faranno l’8 giugno. Lo comunica Marco Sensi, titolare, che spiega: “L’8 giugno riapriremo le cure termali, non potevamo riaprire prima in quanto dobbiamo predisporre tante cose anche in base alle disposizioni specifiche del settore termale, alle quali ci dobbiamo attenere. Stiamo completando le procedure a livello di percorsi, di software, che va tutto aggiornato per garantire la massima efficienza e sicurezza in base ai nuovi protocolli, sistemi e con tutto il personale formato. Apriremo la piscina qualche giorno dopo l’8 giugno, al massimo dopo una settimana. Del resto abbiamo dovuto fare degli interventi strutturali per i nuovi percorsi ed accessi e con l’occasione abbiamo rifatto anche il look dello stabilimento, offrendo ambienti più belli. Abbiamo approfittato di questa pausa per un restyling della struttura. Per quanto concerne la piscina – conclude Marco Sensi – dovremo fare in modo tale che non si superi il numero massimo di accessi per garantire a tutti lo spazio di rispetto della distanza tra persone. Si accontentano così tutti nel rispetto delle regole ed, anzi, tutti avranno così più spazio di prima e non ci saranno più momenti di sovraffollamento, come avveniva in passato. L’utente, quindi, potrà usufruire di un servizio migliore. La prenotazione per la piscina non servirà, anche se la consigliamo a chi viene da fuori per avere la certezza dell’accesso”.

Ti potrebbero interessare anche:

Immigrazione, soccorso un gommone. A bordo oltre 120 persone e due cadaveri
Video hard 16enne diffuso su whatsapp
L'ordine sospende per 6 mesi il medico anti-chemio
Schiaffeggiata durante lite, cade e muore. Fermato compagno, l'ha lasciata per ore a terra
Taxi, domani lo sciopero nazionale: auto ferme dalle 8 alle 22
SEQUESTRO NORCIA: SINDACO, ORA A RISCHIO TUTTE LE STRUTTURE



wordpress stat