| categoria: Dall'interno

Uffizi stangano bagarini del web, 120mila dollari al museo

Firenze_Galleria_Uffizi_Fg_Ipa

Le Gallerie degli Uffizi di Firenze stangano ancora i bagarini del web. Appena quattro mesi fa, la Corte Federale americana dell’Arizona, con una importante sentenza ha deciso che solo il museo fiorentino può usare siti web contenenti il nome “Uffizi”, in quanto unico legittimo titolare del nome stesso, stabilendo al contempo che la società BoxNic, che, da domini registrati in Usa, utilizzava siti come uffizi.com, uffizi.net, uffizigallery.com, uffizigallery.org e simili per vendere biglietti della Galleria a prezzo maggiorato, interrompesse immediatamente questa pratica, considerandola del tutto abusiva.

La stessa Corte americana, adesso, ha anche condannato BoxNic a rimborsare agli Uffizi le spese legali del processo sostenuto in America: 120mila dollari la somma che l’azienda dovrà corrispondere al museo, equivalente a circa 106mila euro. “Nel sistema giuridico americano è raro che che il giudice condanni al pagamento delle spese legali del procedimento, ma, secondo i magistrati federali dell’Arizona, stavolta ciò è pienamente giustificato dalla gravità del comportamento della nostra controparte – sottolinea il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt – è la conferma definitiva della nostra grande e difficile prima vittoria nella lotta contro i vampiri della rete. Una lotta che non si ferma certo qui, ma prosegue ancora più dura per debellare questa piaga”.

Ti potrebbero interessare anche:

'Ndrangheta, arrestato consigliere comunale Fi di Reggio Emilia. Maxi operazione, 160 arresti
Ilva, 47 rinvii a giudizio per disastro ambientale. Imputato anche Vendola
YARA/ I difensori chiedono per Bossetti i domiciliari e il braccialetto elettronico
Quasi 1.000 ecoreati già contestati con nuova legge
Orge in canonica, catalogo sul web: così don Andrea vendeva le amanti
CORRUZIONE: INCHIESTA ANAS, 'DAMA NERÀ PATTEGGIA 4 ANNI E 4 MESI, ASSOLTO MEDURI



wordpress stat