| categoria: Roma e Lazio

Caso Orlandi, il fratello: “Non potevamo fermarci, troppi buchi

emanuela_orlandi5

“Noi non ci siamo mai fermati e non lo facciamo nemmeno davanti all’archiviazione perché ci sono troppi buchi, aspetti ancora da chiarire”. A dirlo all’Adnkronos è Pietro Orlandi, il fratello di Emanuela di cui si sono perse le tracce dal giugno del 1983, dopo la nuova istanza di opposizione all’archiviazione del procedimento relativo al caso dei resti ritrovati presso il cimitero Teutonico.

“Contestiamo l’archiviazione – spiega l’avvocato Laura Sgrò in riferimento al decreto del giudice unico notificato il 30 aprile scorso – noi vogliamo ricostruire i fatti che hanno determinato l’indagine e le modalità con cui sono stati svolti gli accertamenti. Faremo tutto quello che è nelle nostra possibilità per arrivare alla verità”.

Ti potrebbero interessare anche:

Marino, a Roma 7400 rifugiati: faremo centri di accoglienza anche ai Parioli
COSE CONCRETE/ Il consorzio abbacchio romano lavori insieme con altri marchi
Turbativa d'asta, torna in libertà il commissario Farmacap
Nuovo nubifragio: albero su furgone, due feriti. Allagamenti e traffico in tilt
LAZIO: ESPULSIONE CONSIGLIERA 'RIBELLÈ, È CAOS IN FI
RAGGI SPRECONA, OLTRE 6,5 MILIONI DI EURO PER GLI STIPENDI DELLO STAFF



wordpress stat