| categoria: politica

Il grillino Cubeddu resta deputato, impossibile il controllo delle schede valide

Ul presidente del Tribunale di Tivoli ha comunicato che le schede valide erano «ridotte in poltiglia inconsultabile», perché l’allagamento del bagno – dove erano conservato le schede – aveva provocato la loro distruzione

L’aula ha confermato l’elezione dei deputato grillino Sebastiano Cubeddu. La Giunta per le elezioni  ha dovuto arrendersi alla realtà: l’allagamento di una toilette dove stranamente erano state conservate le schede elettorali ha reso impossibile verificare il corretto conteggio elettorale e la regolare elezione del deputato. Cubeddu, classe 1966, avvocato lavorista, nel 2018 era risultato eletto nelle file del M5S nel collegio uninominale Lazio 1 12 di Guidonia Montecelio. Ai conteggi aveva superato di 17 voti la candidata del centrodestra, Barbara Saltamartini, che comunque era risultata eletta nel proporzionale nel collegio plurinominale Lazio 1- 02. L’ufficio elettorale locale aveva attestato la vittoria di Sebastiano Cubeddu con 55.373 voti rispetto ai 55.356 di Saltamartini.La deputata legista Saltamartini aveva fatto ricorso, chiedendo una verifica, avviata dalla Giunta della Camera, alla luce di moltissime schede conteggiate come bianche (2.151) e nulle (2.773). La Giunta ha, con pazienza, riesaminato i verbali di tutti i seggi, da cui è emerso il sorpasso di Saltamartini su Cubeddu. Si è quindi deciso di ricontrollare le schede bianche e nulle, da cui è emerso che la candidata del centrodestra aveva ottenuto 115 voti più di quello di M5s

La Giunta ha voluto poi procedere a un riconteggio delle schede dichiarate valide, attraverso un campione del 10%, ma qui ci si è scontrati con un incredibile fatto: il presidente del Tribunale di Tivoli ha comunicato che le schede valide erano «ridotte in poltiglia inconsultabile», perché l’allagamento della toilette – dove erano conservato le schede – aveva provocato la loro distruzione . «Queste cose si vedono nei film – ha protestato in Aula Ciro Maschio (Fdi) – dove i narcos del Sudamerica distruggono le schede elettorali». La Giunta si è divisa e con 14 voti contro 11 ha portato in Aula la proposta per confermare l’elezione di Cubeddu vista l’impossibilità di portare a termine la verifica. Pietro Pittalis di Forza Italia ha parlato di “arbitrio” e si è dimesso dalla Giunta per protesta: «Su questa vicenda – ha detto – la giunta sta commettendo un’operazione che rimarrà una macchia nera. L’attività della giunta non deve e non può sfociare nell’arbitrio».La maggioranza ha approvato con 272 voti l’elezione di Cubeddu, mentre il centrodestra ha votato contro, affermando che si è trattato in una scelta «politica e non giuridica» (i no sono stati 208).

Ti potrebbero interessare anche:

Gaia Tortora: caro Silvio, quella di mio padre era un'altra storia...
Rifiuti, il viaggio dei ''Cinque Stelle'
FI/Berlsuconi, "per i sondaggi siamo in ottima salute"
Alemanno andava in Argentina con le valigie piene di soldi? Rabbiosa replica: solo falsità
Renzi-Merkel, un incontro tra ribollita e David
Conte: "Probabile allentamento misure entro fine mese"



wordpress stat