| categoria: attualità

Bimbo in classe prima di esito tampone, è positivo

scuola_materna_tavoli_Fg-1

Era stato sottoposto a tampone il 3 settembre scorsoe, nonostante questo, nei giorni 7, 8 e 9 settembre ha continuato a frequentare la scuola”. Il caso di un bimbo poi risultato positivo a Covid-19 è stato ricostruito dal Comune di Cesano Maderno, in Brianza. “La scuola dell’infanzia Montessori ha segnalato ieri (martedì, ndr) all’amministrazione un caso di positività tra i suoi alunni – si legge nella nota diffusa dall’amministrazione comunale – La scuola ha subito attivato le procedure previste dalla normativa vigente”.

E ieri tutti i bambini e i docenti della classe dell’alunno positivo sono stati “sottoposti a tampone all’ospedale San Gerardo di Monza. Le lezioni per questa classe sono sospese – informa il Comune – I bambini, le insegnanti e le famiglie si trovano in quarantena in attesa dell’esito del tampone e delle indicazioni di Ats”. La ricostruzione riferita dal Comune è stata appresa “da telefonata intercorsa ieri tra la dirigenza della scuola e i genitori dell’alunno”. “La famiglia è venuta a conoscenza della positività il 9 settembre e dal giorno successivo la frequenza è stata interrotta”, prosegue la nota.

“Questo episodio, certamente singolare per come è avvenuto, ci induce a raccomandare alle famiglie un comportamento prudente e responsabile – è l’appello del Comune – Se un bambino viene sottoposto a tampone non può assolutamente frequentare la scuola fino a che l’esito non certifichi la negatività a Covid. Non solo, anche se un bambino ha la febbre deve rimanere a casa e ogni mattina le famiglie dovrebbero assicurarsi che i figli non abbiano febbre e non siano presenti segni che potrebbero far sospettare un esordio di Covid. Nel caso di sospetto, bisogna avvisare immediatamente il medico di famiglia o il pediatra”. Essendo divisi in classi ‘bolla’, che non si incontrano fra loro, gli alunni delle altre classi della scuola hanno potuto continuare normalmente a frequentare.

Ats Brianza “si è attivata per convocare presso l’ambulatorio tamponi tutte le persone venute a contatto con il bambino in ambito scolastico”, precisa la stessa Agenzia per la tutela della salute

“Su segnalazione della pediatra per sospetto Covid – spiega l’Ats – il bambino è stato sottoposto giovedì 3 settembre a tampone ed è stata data alla famiglia indicazione, come prevede la norma, di rispettare l’isolamento fiduciario nell’attesa dell’esito. Ats Brianza, venuta a conoscenza della positività” del bimbo a Covid-19, “ha svolto l’indagine epidemiologica lunedì 7 settembre. L’indagine si è conclusa con l’isolamento di tutta la famiglia. Nella mattinata di martedì 15 settembre”, tuttavia, l’Ats “è stata informata dalla dirigente scolastica che il bambino posto in isolamento dal 3 settembre si era invece recato a scuola. Appena appresa questa informazione”, dunque, l’Ats ha convocato tutti i contatti del piccolo in ambito scolastico.

Ti potrebbero interessare anche:

Italiani con l'acqua alla gola, intaccano i risparmi per arrivare a fine mese
Legge di Stabilità, ok emendamento, stop 'galleggiamento' stipendi PA
Che fine ha fatto Denise Pipitone? La mamma: Non smetto di cercarti
Terremoto in Regione Lombardia: arrestato per corruzione il vicepresidente Mantovani
CLIMA/ Giù le emissioni in Italia, -16% dal 1990 al 2013
Caso Orlandi, la Cassazione: "Archiviare l'inchiesta"



wordpress stat