| categoria: sanità Lazio

2164392_belcolle_jpg_pagespeed_ce_phn_qytsbm
di WANDA CHERUBINI
VITERBO – Un importante traguardo è stato raggiunto all’ospedale Belcolle di Viterbo. E’ stato, infatti, impiantato con successo il primo pacemaker senza fili. Si tratta del primo impianto con tecnica mini-invasiva, del sistema di stimolazione intracardiaco transcatetere Micra Transcatheter Pacing System (TPS). Il dispositivo è stato applicato dal direttore dell’unità operativa di Elettrofisiologia, dottor Massimo Sassara, e dal dottor Mario Malavasi, a un paziente di 76 anni affetto da fibrillazione atriale a bassa risposta ventricolare. Molto importante la dimensione di questo dispositivo che è molto piccolo, poco più di una moneta di 1 centesimo, quindi, un decimo della grandezza di un pacemaker convenzionale. Il dott. Sassara spiega: “Il sistema di stimolazione intracardiaco è una vera e propria cardiocapsula. Pesa 2 grammi, misura poco più di 2 centimetri e ha una durata media di 10 anni. Viene impiantato direttamente nella cavità cardiaca attraverso la vena femorale e non prevede l’impianto di elettrodi di stimolazione. Una volta posizionato, il sistema, ancorato al cuore attraverso piccoli ganci appositamente progettati, emette impulsi elettrici in grado di regolarizzare il battito cardiaco attraverso un elettrodo posto sul dispositivo”. Inoltre, a differenza delle tradizionali procedure, in virtù delle sue dimensioni estremamente ridotte e della tipologia di ancoraggio all’interno del cuore, non necessita di alcun filo o elettro-catetere di connessione. Inoltre, non richiede incisioni nel torace, né la creazione di una tasca in sede sottocutanea, eliminando così il rischio di potenziali complicanze, soprattutto infettive, legate alla procedura tradizionale. Sassara precisa: “Non si tratta di un intervento chirurgico vero e proprio anche se sono necessarie conoscenze tecniche attualmente alla portata di pochi centri in Italia. Si procede, infatti, pungendo la vena femorale e si risale con un dispositivo che libera il pacemaker, lo si orienta nel ventricolo, cercando la posizione più adatta, e si fissa tramite un ancoraggio sulla parete cardiaca. Questa procedura non provoca cicatrici ma solo una piccola incisione all’inguine. Inoltre, grazie alle dimensioni ridotte e all’assenza di elettro-cateteri, il pacemaker risulta invisibile sul corpo del paziente”. Infine, è

disponibile il servizio di monitoraggio remoto a domicilio, che permette al paziente di interrogare e trasmettere da casa, tutti i dati raccolti, inviandoli in maniera sicura all’ospedale di riferimento.

Ti potrebbero interessare anche:

Emergenza scabbia norvegese al Goretti di Latina
Aperta a Piazzale degli Eroi la prima casa della salute della capitale
Zingaretti e il caso Subiaco, che cosa vuol fare dell'ospedale Angelucci?
Vietato morire al Goretti di Latina, non c'è posto nelle frigorifere della camera mortuaria
Scoppia il caso Anagni, punta da una calabrone, muore per shock anafilattico. Ma l'ospedale non c'è ...
APRE AL SAN FILIPPO NUOVO REPARTO PSICHIATRICO



wordpress stat