| categoria: primo piano

Roma, una nottata di fuoco

covid_caos_roma_due_ipa_fg

di Silvia Mancinelli

In trecento hanno messo a ferro e fuoco il centro storico di Roma  al corteo anti-coprifuoco. Da Piazza del popolo fino a piazzale Flaminio e lungotevere delle Navi con fumogeni e lanci di petardi. Due gli agenti del Reparto mobile rimasti feriti negli scontri. Entrambi hanno riportato contusioni lievi, uno è stato portato in ospedale non in gravi condizioni. Sono stati almeno 10 i manifestanti fermati e portati in Questura per l’identificazione. Sarebbero tutti italiani e appartenenti a gruppi Ultras. Come annunciato dai manifestanti, emuli di quanti la notte scorsa hanno scatenato la guerriglia urbana a Napoli, la protesta contro il coprifuoco imposto nel tentativo di scongiurare l’epidemia da coronavirus ha preso tra sabato e domenica la piega peggiore. Gli agenti del Reparto Mobile hanno caricato in piazza del Popolo. Il corteo ha poi continuato a muoversi in direzione del lungotevere verso Palazzo Marina. Distrutte macchine e cassonetti. Il corteo anti-coprifuoco, annunciato con un tam tam sui social già nella giornata di sabato, si è sciolto a notte fonda domenica e la situazione è tornata alla normalità.

Ti potrebbero interessare anche:

Napolitano convoca Renzi, domattina l’incarico
Raggi commissariata dal M5s. Fuori i colpevoli o addio simbolo
Canada, assalto alla moschea. Sei morti e otto feriti
Brindisi di Natale con Mattarella, mancano Renzi e Berlusconi
Il Pd trova l'unità: con M5s capitolo chiuso
Maltempo, una dispersa nell'Alessandrino. Allagati i Murazzi a Torino



wordpress stat