| categoria: sanità Lazio

Poliambulatorio Tor San Lorenzo, i chiarimenti della ASL Roma 6

Il direttore generale della Asl Roma 6 Narciso Mostarda

La nuova normativa emanata dalla Regione Lazio con Ordinanza 65 del 5/11 u.s. e i protocolli di intesa sottoscritti con i MMG e PLS circa la esecuzione dei test antigenici da parte di questi ultimi, hanno messo immediatamente al lavoro le Direzioni Distrettuali per far sì che anche i medici che avessero problemi strutturali degli studi tali da non consentire di aderire, lo avrebbero potuto fare su sedi messe a disposizione dalla ASL, anche con l’aiuto delle Amministrazioni Comunali, della Protezione Civile etc..

Per ragioni tecnico-logistiche la scelta è obbligatoriamente ricaduta sull’utilizzo del poliambulatorio di Tor san Lorenzo nei giorni dal lunedì al venerdì dalle 14.00 alle 18.00, una struttura già attiva con servizi ambulatoriali.

 

E’ necessario chiarire ai cittadini che non si tratta di un drive in, l’accesso non è diretto ed arbitrario ma gestito da MMG e PLS nell’esercizio delle proprie funzioni di assistenza al paziente.

I MMG ed i PLS che non potranno fare i tamponi nel proprio studio (oltre 10 solo ad Ardea), sempre nel rispetto delle disposizioni normative regionali, saranno tenuti quindi ad organizzare i propri turni nella sede messa a disposizione, con il supporto del Coordinamento COVID Distrettuale, convocando in quella sede, in orari determinati, gli assistiti intercettati presso i propri studi.

Intanto, alcuni medici e pediatri da soli o in UCP si stanno già organizzando presso i propri studi dove possono aderire in sicurezza, e già alcuni oggi hanno iniziato il ritiro dei kit.

Tanto era necessario precisare.

 

Il Direttore generale

Narciso Mostarda

Ti potrebbero interessare anche:

Sanità privata, allarme per taglio dei salari e dell'occupazione
Arrivano i soccorsi alla Asl dei Castelli, assunti 36 operatori a tempo indeterminato
Un dg alla volta, via libera alla nomina di Mostarda alla Asl dei Castelli
Salute mentale, accordo tra Asl Viterbo, ospedale Sant’Andrea e La Sapienza
Viterbo, i precari della sanità restano tali
ASL ROMA 1/ Il presidio di via Aldovrandi è chiuso perché non idoneo



wordpress stat