| categoria: attualità

Caso Yara, Bossetti: “Lei non ha avuto giustizia”

Bossetti_yara_doppia

Yara non ha avuto giustizia, io sono dietro le sbarre ma non sono il colpevole”. Per chi è in carcere come Massimo Bossetti ogni giorno è uguale a un altro, ma per qualcuno ha un sapore più amaro. Sono trascorsi dieci anni dal 26 novembre 2010 quando di Yara Gambirasio, giovane ginnasta 13enne di Brembate (Bergamo), si perdono le tracce. “Io non voglio uscire per un cavillo, voglio uscire perché la perizia sul Dna dimostra che non sono un assassino“, sono le parole che dalla cella di Bollate affida attraverso il suo avvocato Claudio Salvagni all’Adnkronos.

“Sono innocente” sono le parole che Bossetti ripete contro un mantra. Le ha pronunciate ai carabinieri che gli hanno stretto le manette ai polsi; le ha ripetute al pubblico ministero Letizia Ruggeri che lo ha accusato di aver colpito Yara e di averla lasciata morire, dopo una lunga agonia, nel campo di Chignolo; le ha urlate nelle aule dei tribunali che lo hanno sempre riconosciuto colpevole; lo ha giurato alla moglie Marisa e ai tre figli. Anche ora che sta scontando una condanna all’ergastolo, l’uomo che tutta Italia ha imparato a conoscere come ‘Ignoto 1’, continua a non cambiare versione, a negare di aver colpito la 13enne alla testa, di averla accoltellata alla schiena, al collo e ai polsi.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Mazzetta da duemila euro, condannati due ispettori delle Entrate
VATICANO/ Monito della Segreteria di Stato, in atto tentativi di condizionare il conclave
Papa Francesco torna in Vaticano e dialoga con i giornalisti durante il viaggio
MARO'/ 'Siamo innocenti', un'altra settimana dura per i fucilieri: l'Italia aspetta la Corte Suprema
EUROPEE/Il Parlamento europeo smobilita, ma prima una raffica di voti record
Raid e bombe Usa su Sirte. Mosca e Tobruk: illegali



wordpress stat