| categoria: attualità

Caso Regeni, procura di Roma va avanti

regeni_ftg_8

 

La Procura di Roma è pronta a chiudere le indagini sul caso di Giulio Regeni, il ricercatore friulano rapito, torturato e ucciso nel 2016 in Egitto, a carico di cinque 007 egiziani appartenenti alla National Security accusati di sequestro. E’ quanto ha comunicato il procuratore capo di Roma Michele Prestipino al procuratore Generale d’Egitto nel corso di un nuovo incontro.

 “Il procuratore generale d’Egitto nel prendere atto della conclusione delle indagini preliminari italiane, avanza riserve – si legge in una nota congiunta dei due uffici giudiziari – sulla solidità del quadro probatorio che ritiene costituito da prove insufficienti per sostenere l’accusa in giudizio. In ogni caso la procura generale d’Egitto rispetta le decisioni che verranno assunte, nella sua autonomia, dalla procura della Repubblica di Roma”.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Mons. Scarano scrive al Papa: Santità, non ho rubato, ho aiutato chi chiedeva aiuto
Libia, occhi puntati sull'Onu, escluso per ora un intervento militare
Riad interrompe i rapporti diplomatici con l'Iran
Cricca delle nomine, bufera sul ministro. L'intercettazione: "Il padre di Alfano mi ha mandato ...
Cop 22, piano Accordo Parigi entro 2018
Covid, positivo da aprile: dimesso oggi dopo 126 giorni



wordpress stat