| categoria: economia

Prezzi al consumo calano 0,2% nel 2020, crollo per l’energia

 images (2)

In media nel 2020 i prezzi al consumo registrano una diminuzione dello 0,2% (da +0,6% del 2019). Lo rileva l’Istat sulla base delle stime preliminari sottolineando che al netto degli energetici e degli alimentari freschi (l'”inflazione di fondo”), i prezzi al consumo crescono dello 0,5% (come nell’anno precedente) e al netto dei soli energetici dello 0,7% (da +0,6% del 2019). I prezzi dei beni energetici sono diminuiti nel 2020 sul 2019 dell’8,4%.
Nel 2020 la riduzione dei prezzi al consumo in media d’anno è la terza registrata a partire dal 1954, da quando è disponibile la serie storica, (-0,4% nel 1959, -0,1% nel 2016).

A dicembre 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,3% su base mensile e una diminuzione dello 0,1% su base annua (da -0,2% del mese precedente). L'”inflazione di fondo” tendenziale, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli beni energetici accelerano entrambe a +0,7% (rispettivamente da +0,4% e da +0,6%).

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona a dicembre aumentano dello 0,9% su base annua (in rallentamento da +1,2% di novembre), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto attenuano la flessione portandosi a -0,1% (da -0,3% del mese precedente).  Secondo le stime preliminari, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta dello 0,2% su base mensile e diminuisce dello 0,3% su base annua (come a novembre). La variazione media annua del 2020 è pari a -0,1% (era +0,6% nel 2019).

L’inflazione annua nell’eurozona dovrebbe attestarsi a -0,3% a dicembre 2020, stabile rispetto a novembre secondo la stima flash di Eurostat. Anche in Italia resta stabile a -0,3%. Guardando alle componenti principali dell’inflazione nell’euroarea, si prevede che cibo, alcol e tabacco registreranno il tasso annuo più elevato a dicembre (1,4%, rispetto all’1,9% di novembre), seguito dai servizi (0,7%, rispetto allo 0,6% di novembre ), beni industriali non energetici (-0,5%, rispetto a -0,3% di novembre) ed energia (-6,9%, rispetto al -8,3% di novembre).

Ti potrebbero interessare anche:

Fisco,545 miliardi non riscossi negli ultimi 15 anni
Barclays: pronta a tagliare 7500 posti di lavoro
Addio anticipato alla lira, la Consulta boccia la "norma Monti"
Per personale Alitalia in pista la cassa straordinaria
FCA CONVOCA SINDACATI, IL 29 SUL TAVOLO IL PIANO ITALIA
Istat: migliora il deficit ma sale la pressione fiscale



wordpress stat