| categoria: Roma e Lazio

Raggi sotto accusa per gli assessori cacciati

raggiRimpasto di giunta, Sindaca sotto accusa: “E’ concentrata solo su campagna elettorale”.Critiche trasversali alla Sindaca per l’ennesimo licenziamento nella squadra di Palazzo Senatorio.L’annuncio dei nuovi assessori non è ancora stato ufficializzato. Per la formale promozione di Pietro Calabrese alla poltrona di vicesindaco e l’arrivo di Andrea Coia e Lorenza Fruci in Giunta, sembra solo questione di ore. La certezza, però, è che l’ennesimo rimpasto non è scivolato via inosservato.

“Si dice che la prima qualità di un bravo capo sia saper scegliere i collaboratori  – ha commentato su Twitter Carlo Calenda –  Raggi ha licenziato 2 vicesindaci, 17 assessori, un capo di gabinetto, un capo del personale, 6 tra alti dirigenti e dirigenti in Acea, 7 in Atac, 5 in Ama. Gli ultimi a fare le spese di questo incessante turn over sono stati il Vicesindaco Luca Bergamo e l’assessore al Commercio Carlo Cafarotti. Ma tra “pochi mesi – ha sottilineato il leader di Azione –  potremo licenziare lei”. C’è chi ha puntato l’indice sull’opportunità, a quattro mesi dalla scadenza del mandato, di fare l’ennesimo rimpasto di giunta. Per Riccardo Magi, deputato di  +Europa “dimostra quanto la sindaca sia concentrata solo sulla campagna elettorale” quando invece farebbe bene  “a lavorare alla crisi di Roma e al suo rilancio”. D’altra parte, ha sottolineato il Radicale, “i romani neppure si stupiscono più quando viene cacciato l’assessore al Commercio e Turismo durante la più grande e grave crisi di questi settori, nè si stupiscono quando si riempiono gli assessorati di fedelissimi dando il benservito ai curricula e alla competenza”. Non si sorprendono, i cittadini, eppure “sono stanchi di vedere la sindaca concentrata solo sulla campagna elettorale” che, ha ribadito Magi, preferisce “giocare con il potere e la politica piuttosto che pensare al bene della città”.

All’interno di Fratelli d’Italia, invece, ha destato particolare attenzione la scelta di rinunciare a Luca Begamo. Secondo il deputato Andrea Mollicone ed il capogruppo comunale Andrea De Priamo, l’ormai ex vicesindaco è stato  “ il peggiore assessore alla Cultura di Roma dal dopoguerra ad oggi”. La decisione della Sindaca “a pochi mesi dalla fine della tragica esperienza della giunta” arriva quindi in ritardo. E suggella  “una bocciatura completa” del suo operato.

Anche l’Arci di Roma ha dedicato una riflessione sull’ennesimo rimpasto. La realtà, che a livello cittadino è  presieduta da Vito Scalisi, si è dichiarata “molto preoccupata da una mossa che sancisce il fallimento dell’azione del Campidoglio nei confronti di uno dei settori più colpiti dalla pandemia”.Che si tratti di cultura, di commercio o di turismo, chi verrà effettivamente designato a guidare questi settori, avrà indubbiamente un vantaggio. A differenza dei rispettivi predecessori potrà infatti arrivare alla fine del mandato. Il tempo, per fare altri rimpasti, non ne rimane più.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Effetto default, dal 16 marzo sospesi alcuni servizi per i disabili?
Il Comune sbaglia i calcoli, mancano altri sessanta milioni?
La polizia sgombera le aree verdi a Tor Carbone, via le baracche rom
Accoltella lo chef poi fugge. Paura da Eataly, due feriti
Week end da incubo, cortei e sit-in. Roma blindata
Fratello muore in casa e lei non può chiedere aiuto, salvata disabile



wordpress stat