| categoria: editoriale, Senza categoria

Draghi fa pulizia, ma non facciamoci troppe illusioni

Mario Draghi comincia a far pulizia, consegna alla folla rabbiosa la prima vittima illustre. Arcur addio, tagliato fuori dal suo incarico in piena bufera vaccini. Al suo posto un generale. Saprà fare meglio? Se lo augurano tutti. Arcuri è il responsabile della pandemia? Certo che no, ma di fatto è uno dei responsabile di una gestione demenziale di una emergenza che ha messo in ginocchio il paese. Verrà ricordato per quel corollario di mosse ridicole, come quella, inutilmente costosa, dei banchi con le rotelle. Con lui dovrebbero pagare altri, coloro che lo hanno voluto in quell’incarico e gli hanno dato carta bianca, coloro che non hanno voluto vedere cosa stava accadendo, colore che nelle pieghe si sono inseriti per motivi meno nobili. Il commissario rimosso al termine di un anno disastroso non è inquisito, non gli è imputato nulla che abbia a che fare con malaffare e corruzione, ma è di dominio pubblico il fatto che qualcuno si è arricchito (indebitamente?) e che oggi è oggetto di indagini giudiziarie. Arcuri si è mosso in modo maldestro, forse in un ruolo che non era il suo, ma chi se è servito in modo così improvvido lo ha anche usato come scudo e come parafulmine ora tace e fa finta di non conoscerlo. Un commissario improvvisato, in un governo improvvisato e senza spessore, guidato da un premier improvvisato. Ora è giunto il momento della verità. Con Draghi cambia tutto e l’Italia funziona come un orologio svizzero? La campagna vaccinale è un prodigio di efficienza? Aspettiamo a tirare un sospiro di sollievo, la notte è ancora lunga e non facciamoci troppe illusioni.

Ti potrebbero interessare anche:

A Repubblica scioperano contro i tagli
Dopo 14 anni firmato il protocollo Regione-Gemelli
La task force del prefetto, tre ispettori in Campidoglio
"Dolce battaglia" dei grillini in parlamento per miele e pappa reale
Grande Fratello rischia, la polizia sventa un blitz di estremisti contro la casa
YARA/ Morto in ospedale il padre legittimo di Massimo Bossetti



wordpress stat