| categoria: Roma e Lazio

Viterbo rischia di diventare la discarica del Lazio

il senatore Umberto Fusco

il senatore Umberto Fusco

di WANDA CHERUBINI
Viterbo rischia di diventare la discarica del Lazio, in base all’ordinanza firmata dal presidente della Regione, Nicola Zingaretti che stabilisce il conferimento dei rifiuti di Roma, Latina e Frosinone nella discarica di Viterbo. La notizia ha da subito fatto intervenire alcuni politici locali, come il capogruppo di Fdi in consiglio comunale, Luigi Maria Buzzi, che ha detto: “Per l’ennesima volta l’inerzia della Regione e di Roma Capitale rischiano di pagarla i territori del Lazio, e non solo. È appena uscita una ordinanza che obbliga i comuni del Lazio di farsi carico e smaltire la mole imponente dei rifiuti romani che le scellerate scelte della Regione Lazio e di Roma Capitale messe in campo in questi ultimi anni non solo non hanno risolto ma, alla luce di quanto sta accadendo, addirittura aggravato. Per quanto riguarda Viterbo e la Tuscia si tratta di 300 tonnellate al giorno fino al 20 di aprile. Torniamo, e non è certo la prima volta, a dover difendere il nostro territorio dagli errori altrui, dalla incapacità di programmazione, dalla totale mancanza di visione rispetto ad un problema che, col tempo, rischia di divenire senza soluzione a meno di non trasferire sulle province servitù di cui non sentono assolutamente bisogno. Viterbo e la Tuscia hanno bisogno di ben altro in questo momento così complicato. Hanno bisogno di sostegno per un sistema economico che arranca dopo un anno di pandemia, per le famiglie che soffrono, per la rete delle associazioni che vede messo in pericolo il lavoro fatto fino ad oggi. Insomma, se abbiamo criticato i ristori per quello che non sono riusciti a fare, per i ritardi, per l’assenza di una qualunque prospettiva su cui costruire il futuro, non possiamo fin da subito schierarci contro, in tutte le sedi istituzionali e tra i cittadini, per l’ennesimo scempio che nulla ha a che fare col la solidarietà in un momento delicato ma molto a che fare con la volontà politica di non assumersi fino in fondo le responsabilità che governare comporta”. Al riguardo è arrivata anche la ferma opposizione della Lega con il suo senatore Umberto Fusco, vice coordinatore regionale del partito di Salvini: “Non è possibile che Viterbo sia invasa dai rifiuti di Roma, di Latina e di Frosinone. Il presidente Nicola Zingaretti forse confonde la Tuscia per una discarica? Non è accettabile che in provincia di Viterbo arrivino 300 tonnellate al giorno. La Lega boccia questa decisione”. Fusco ed il coordinamento provinciale di Viterbo criticano in modo pesante la decisione presa dal governatore del Lazio (Pd) che nel pomeriggio del 1° aprile ha firmato l’ordinanza regionale per scongiurare l’emergenza rifiuti. Fino al 6 aprile la Regione Lazio ordina che siano conferiti alla discarica Ecologia Viterbo fino a 200 tonnellate al giorno di scarti prodotti negli impianti Tmb 1 e 2 di Malagrotta, “non essendo disponibile alcuna capacità di smaltimento in discarica nel sub ambito di Roma Capitale e non essendo sufficiente quella disponibile nella città Metropolitana di Roma”. Anche i rifiuti di Latina dovranno andare nella discarica della Tuscia: Zingaretti ordina “al gestore dell’impianto di trattamento di Castelforte (Latina), di conferire gli scarti prodotti pari a 100 tonnellate al giorno, presso la discarica Ecologia Viterbo, non essendo disponibile alcuna capacità di smaltimento in discarica nell’Ato Latina”. Dal 7 aprile fino al 12 aprile 2021 arriveranno a Viterbo 200 tonnellate al giorno da Roma, 100 tonnellate al giorno da Latina e 20 tonnellate al giorno da Colfelice (Frosinone). Infine, dal 13 aprile al 20 aprile arriveranno nella discarica di Ecologia Viterbo 100 tonnellate al giorno da Roma, 100 tonnellate da Latina, e altrettanti dal Frusinate. Zingaretti chiede ad Arpa Lazio di controllare che Ecologia Viterbo rispetti gli ordini. “Insomma – conclude il senatore Fusco – noi siamo d’accordo che bisogna salvare Roma dall’immondizia, ma non si può invadere la Tuscia con tutti questi rifiuti da un giorno all’altro. Quando dal prossimo autunno la Lega governerà Roma, dovrà sistemare anche la questione dei rifiuti”.

Ti potrebbero interessare anche:

«Ai disoccupati 300 euro al mese». Ed è già scontro sul programma del M5S
Roma, una camera a gas, via alle domeniche ecologiche. Domani stop ai veicoli inquinanti
Mafia Capitale, Buzzi chiama a testimoniare Zingaretti e Leodori
Piazzale Clodio, paura in procura: controsoffitto crolla sulle scrivanie
DA ROMEO A MARRA, LE GRANE GIUDIZIARIE DELLA RAGGI
Colleferro, fratelli Bianchi: "Non abbiamo toccato Willy



wordpress stat