Warning: include(../../config.inc.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/index.php on line 2

Warning: include(../../config.inc.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/index.php on line 2

Warning: include(): Failed opening '../../config.inc.php' for inclusion (include_path='.:/php5.4/lib/php/') in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/index.php on line 2

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/index.php on line 42

Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/index.php on line 49

Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/index.php on line 56

Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/index.php on line 62

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254
A PROPOSITO DI JAZZ, di e con Gerlando Gatto - Ermanno Maria Signorelli si confessa: anche nella musica avanza la globalizzazione
A PROPOSITO DI JAZZ, di e con Gerlando Gatto


Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method arrays::explode_key() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_entry.php on line 254

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::file_listing() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 29

Strict Standards: Non-static method fileio::read_file() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 13

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Strict Standards: Non-static method fileio::strip_extension() should not be called statically in /web/htdocs/www.online-news.it/home/jazz/blog/scripts/sb_fileio.php on line 41

Ermanno Maria Signorelli si confessa: anche nella musica avanza la globalizzazione
giovedì, 10 gennaio, 2008, 19:50 - Interviste
A colloquio con l’eccellente chitarrista

Ermanno Maria Signorelli è senza alcun dubbio un personaggio di primissimo piano nel mondo musicale non solo per l’eccellenza della sua musica ma anche per la lucidità e l’estrema intelligenza con cui affronta le problematiche che man mano si pongono. Ne abbiamo un’ulteriore conferma nell’intervista che vi proponiamo qui di seguito.

- Come valuti l'attuale panorama jazzistico internazionale?
A dire il vero mi sembra vivace e stantio nello stesso tempo. Vivace perché accadono molte cose, stantio perchè basta aver fruito degli ultimi vent’anni di jazz per rendersi conto che bene o male sentiamo quasi sempre gli stessi grossi nomi: Jarrett, Steve Coleman, Metheny, Lovano, Scofield, per citarne qualcuno, e che i progetti che portano in giro sono più o meno gli stessi, forse anche per fatti meramente commerciali. Ogni tanto si aggiunge qualche giovane talento, ma che comunque non si discosta, per stile e per modo, poi così tanto.
Trovo che la globalizzazione si stia facendo sentire anche nella musica, compattando tutto in un unico sentire. Da una parte mi sembra cosa buona, così spero cessino quelle insopportabili mode che hanno visto, per esempio, quel “povero martire” di Astor Piazzola e il suo tango in mille salse e intingoli. Mode come lo yoga, il training autogeno, la salsa, il merenghe e chi più ne ha più ne metta, che hanno tentato, inutilmente, di colmare quella pesantezza e crisi di identità tutta europea e occidentale. Dall’altra parte, quasi certamente, credo ci si debba abituare all’idea di un mondo che si esprima in un solo respiro culturale, spero non in una omologazione intesa come mancanza di autenticità e appiattimento.

- Più in particolare, come vedi la situazione del jazz italiano?
Caro Gerlando, non so perché, ma questa tua domanda mi richiama alla memoria, in un tiepido passato quando negli anni ’60 ero bambino, quelle trasmissioni televisive Rai nelle quali il caro amico Franco Cerri, tra una pubblicità e l’altra, si apprestava, in una sorta di didatta-pedagogista, a erudire il popolo italiano verso la musica jazz. Da allora si sono fatti grandi passi in avanti: si è completamente assimilata la cultura americana e il linguaggio jazzistico, e da un po’ di anni a questa parte si è riusciti, per lo meno per alcuni, a dire la “nostra”, e in tal senso a suscitare interesse anche fuori dell’Italia. Approfitto dello spazio che mi dai per togliermi qualche sassolino dalla scarpa e porre l’accento, chiaramente in modo negativo, su quei progetti da tempo in voga che vedono molti bravi musicisti alle prese con rifacimenti e commistioni tra musica jazz e musica leggera. Come in una incapacità di assunzione delle proprie responsabilità, si asseconda e addirittura si aiuta quel mondo che, nel corso degli ultimi 50 anni, si è appropriato di quasi tutti gli spazi culturali del nostro Paese. In una specie di sindrome di Stoccolma, in cui la vittima s’innamora del proprio carnefice, e invece di prendere le opportune distanze, ci si dimentica dei sacrifici fatti e si donano, per quattro soldi, grandi competenze favorendo i vari “nani” della musica. Persone di bassa “statura” culturale, che si vedono conferire lauree “honoris causa”, alcuni addirittura docenti nelle, oramai prive di ogni ritegno e serietà, università italiane, veri e propri emissari di pochezza e mediocrità. Se poi, e concludo, vogliamo guardarci un po’ indietro, con un minimo di dignità, possiamo ripescare nei grandi musicisti, molto più moderni, per scrittura e intuizione, di tanti contemporanei, come Scarlatti, Paisiello, Cimarosa, Rossini, Mascagni e altri. Se ne siamo capaci!

- Secondo Te è possibile parlare di un "jazz italiano"?

Certamente si! In Italia ci sono grandi musicisti e l’arte dell’improvvisazione appare nel nostro Paese da quando il musicista, nel passato, doveva qualificare il proprio intervento durante le celebrazioni liturgiche, e poi basti pensare all’improvvisazione contrappuntistica del barocco, quella romantica e impressionista. Insomma, il jazz inteso come atto improvvisatorio, in Italia è sempre esistito. Desidero menzionare un musicista con cui ho avuto il piacere di studiare una ventina d’anni fa, veramente intelligente, che ha saputo saggiamente coniugare la tradizione jazzistica del “Nuovo mondo” con il grande patrimonio culturale italiano ed europeo: Franco D’Andrea.

- E veniamo a Te, alla Tua musica: come è cambiata nel corso degli anni?
La mia musica è cambiata insieme ai mutamenti avvenuti dentro di me. Il desiderio di appartenenza, la nascita di un figlio e gli affetti che vai via via consolidando, tendono ad aprirti nuovi luoghi espressivi. Luoghi nei quali il pensiero di te stesso lo ritrovi in una piena interazione e continuità con gli altri. Il cambiamento più evidente è stato quando, in una profonda crisi intesa come passaggio evolutivo, la chitarra elettrica mi iniziò a diventare particolarmente stretta e non più tramite ideale, per letteratura, suono e potenzialità, dei miei pensieri più intimi. Il riprendere in mano pienamente la chitarra classica, il cui suono mi ha catturato fin dai primi anni di vita, rappresentava il modo per sentirmi ricollocato, in termini di spazio e tempo, in un contesto storico molto più ampio che mi permettesse di conquistare quel senso di appartenenza e continuità “culturale” che stavo lentamente perdendo.
La mia più grande sfida, attualmente, consiste nel cercare il modo di trovare la giusta collocazione della chitarra classica in dinamiche del nostro tempo, in linguaggi tipici della musica contemporanea applicata alle tecniche peculiari dello strumento classico. In sostanza, mi piace l’idea di suonare brani che vanno dai maestri del ‘500, passando da De Visée, Roncalli, Weiss, e Bach per arrivare a Malipiero, Maderna, Coltrane e Davis.

- Quali sono gli elementi che maggiormente hanno concorso a determinarla così com'è oggi?

L’elemento fondamentale è stato l’aver attuato concretamente un progetto musicale in acustico.
Questa ricerca comanda di metterti completamente in gioco in una logica scevra da elementi artificiali, come l’utilizzo dell’elettronica da me già in passato sperimentata. Ti apre spazi espressivi nei quali si può riuscire a dare forma ai silenzi che paradossalmente possono diventare, superando il primato del suono, in una moltiplicazione di reazioni emotive, l’elemento dominante del discorso.

- Quanto ami "raccontarti " in musica?
Mi racconto totalmente attraverso la musica che faccio, e la cosa sorprendente è che le mie composizioni mi aiutano a capire me stesso. E’ una sorta di staffetta in cui il testimone, le mie emozioni, passano alla musica e arrivano fuori. Il risultato è preciso e determinato nonostante costituisca la sommatoria di contraddizioni, paure, tormenti che caratterizzano me e probabilmente qualsiasi altro individuo. “Dove tutti urlano non c’è voce che basti per farsi sentire” (F. Costantini), forse l’unico modo per raccontare se stessi e per farsi ascoltare è la musica.

- Quanto ha influito sulla tua formazione di musicista l'essere meridionale e napoletano?
Le mie origini hanno certamente, in parte, influito sulla mia formazione, entrando in contatto, però, con altri punti di vista culturali. Avendo vissuto in Francia, a Milano e attualmente a Padova, ho avviato un processo di interiorizzazione di più elementi culturali che si sono combinati in una sintesi a me confacente e positiva. Credo, altresì, che l’essere di origine partenopea abbia influito sulla mia scrittura musicale, dove presto particolare attenzione al senso melodico, forse grande eredità del melodramma italiano e della canzone napoletana, in modo diretto. Caro Gerlando, ti confesso, e mi scuso per la sfrontatezza, che mi mancano molto i “friarielli” che fanno tanto bene al palato e allo spirito.

- Qual è la "collaborazione" che ricordi più volentieri?
La collaborazione che più mi ha emozionato e che ancora oggi ricordo piacevolmente è stata quella con Reggie Workman, con cui ho tenuto alcuni concerti negli anni 80 nella ex Yugoslavia. La cosa che più mi colpiva era suonare con il contrabbassista che aveva inciso, nel 1961, con il quartetto di Coltrane l’album “Impressions” insieme a McCoy Tyner ed Elvin Jones. Incredibilmente, stavo partecipando ad una performance con un musicista, particolarmente trainante, che veramente aveva vissuto il periodo, capitanato da John Coltrane, in cui il jazz determinava la forte rottura con il passato dirigendosi verso l’improvvisazione modale. Periodo storico, non direttamente vissuto dalla mia generazione, ma solamente ereditato come bene dal passato.

- E' corretto affermare che soprattutto nel tuo ultimo lavoro discografico
"3" si avverte ben presente il richiamo alle concezioni di Bill Evans?
Questo accostamento è in parte corretto, in quanto alcuni brani del mio ultimo lavoro discografico, per esempio “Trieste”, ricordano la compostezza formale, quasi in punta di piedi, delle composizioni in 3/4 di Bill Evans. Tuttavia, credo che la grandezza di questo musicista non sia tanto nella gestione rivoluzionaria del trio, invasa da grandi oscillazioni di dinamica, ma quanto nella profonda ricerca armonica particolarmente originale che possiamo ritrovare nelle sue composizioni.
Nel micro-cosmo in cui mi muovo e, quindi già lusingato di questo avvicinamento al grande Bill Evans, ritengo che la mia musica si manifesti in un concetto meno formale e più istintivo, come in un mantice che in apertura e chiusura crei continue oscillazioni istantanee sensitive.

- Cosa c'è nel futuro di Ermanno Maria Signorelli?
C’è un grande desiderio di suonare perché, finalmente, da pochi anni a questa parte, ho capito con chiarezza e consapevolezza a quale ruolo di “narratore” sono chiamato a rispondere.
Voglio pensare che sia una grande responsabilità, perché nel momento in cui chi ti ascolta ed entra in forte sintonia con te fino ad emozionarsi, è come se si facesse prendere per mano e portare in aree espressive di pura gratuità, dimenticandosi per un istante di essere spettatore e vivendo da protagonista quello che si sta facendo. E questo per me è un grande valore.
In un futuro vicino, vorrei, insieme ad Ares Tavolazzi e Lele Barbieri, registrare un nuovo cd. C’è l’idea di vederci a casa mia, visto che ora vivo in una zona tranquilla di campagna, per passare qualche giorno insieme e pensare a quale direzione musicale si intenda prendere.
Nel frattempo stiamo portando in giro per l’Italia il nostro ultimo lavoro “3” che è il frutto di anni di concerti e di una grande voglia di stare assieme.
In cantiere ho anche un progetto molto ambizioso, un cd di chitarra solo, e in questo l’etichetta “Blue Serge” con cui lavoro, nella figura di Sergio Cossu, sta spingendo da tempo.
commenta commenta ( 19 visite )  |  permalink

Novità discografiche, talenti alla ribalta: Cecchetto, Tamburrino, Franco, Zanghieri
giovedì, 10 gennaio, 2008, 19:47 - Recensioni
Il mondo del jazz italiano è popolato da una serie davvero notevole di nuovi talenti che ne fanno una delle più belle realtà a livello internazionale.
Ovviamente alcuni di questi talenti hanno già ottenuto i riconoscimenti che meritano mentre altri attendono ancora il loro momento nonostante abbiano già tutte le carte in regola.

Tra i primi figura certamente l’ottimo chitarrista Roberto Cecchetto che , come riferiamo in altra parte, ha vinto quest’anno il referendum indetto da “Musica Jazz” nella categoria che univa pianisti e chitarristi
Questa vittoria è dovuta anche all’ultima sua fatica discografica , “Dowtown- auand AU9013” . Cecchetto suona in trio con Giovanni Maier al contrabbasso e Michele Rabbia batteria, percussioni e loops, firmando tutte e dieci le composizioni dell’album.
Ascoltando il CD nella sua interezza un dato risalta evidente: la compattezza del gruppo che consente di attraversare qualsivoglia terreno senza la minima esitazione, sapendo perfettamente in ogni momento cosa si sta facendo e perché. Questo non significa mancanza di improvvisazione, tutt’altro. Significa una assoluta padronanza dei propri mezzi espressivi che ti consente di improvvisare in ogni momento, di librarti in illuminanti frammenti (“Uptown”) , di avventurarti in sonorità del tutto inusuali e a volte oniriche (lo splendido “Oslo Hotel”) così come in ogni momento ti consente di rientrare nell’ambito di un discorso più canonico e strutturato ( quale il brano d’apertura “Where are you”). Ed è proprio questa alternanza che rende l’album, a mio avviso, particolarmente esaltante ed originale , originalità evidenziata anche dall’uso quanto mai intelligente ed appropriato delle “nuove macchine” che così risultano funzionali all’intento dei tre, mai soverchiandone le idee.
In tal modo Cecchetto, Maier e Rabbia sono in grado di dare il meglio di sé in qualsiasi contesto si esibiscano, all’interno delle possibilità offerte dalla formazione: quindi assolo, duo, trio.

Se Cecchetto ha quindi raggiunto la fama che merita, un musicista ancora del tutto sottovalutato è il pianista, arrangiatore e compositore Norberto Tamburrino che ha da pochissimo licenziato un pregevolissimo album dal suggestivo titolo “Prigioniero del mare – Prisoner of the sea – AR AJ 0183” . Il cd contiene 12 brani, 10 composizioni originali dello stesso Tamburrino (con un'Alt take) e il celeberrimo "Pannonica" di Thelonious Monk.
Il CD è strutturato in due parti ben distinte: la sezione ritmica, composta da Joseph Lepore al contrabbasso e Bruce Cox alla batteria, è presente nelle prime sei tracce mentre J. D. Allen al sax tenore si fa ammirare solamente nelle due versioni di "Prigioniero del Mare" registrate
a New York nel novembre del 2006. Le altre 6 tracce del disco sono in solo piano, registrate in Italia, per la precisione a Taranto, città dove Tamburrino è nato nel 1964 e dove risiede ancora oggi. L’album fa seguito all’altro eccellente CD pubblicato a maggio 2006 da Splasc(H) Records, intitolato "Deco", e contenente numerosi brani originali. Nel disco, registrato in parte a New York, appaiono tra gli ospiti due illustri solisti di scuola americana: ancora il sassofonista americano J. D. Allen, ed il trombettista Fabio Morgera.
Devo dire che già all’ascolto di questo primo album mi avevano colpito alcune caratteristiche di Tamburrino, caratteristiche che ho ritrovato amplificate in questo nuovo album che non esito a definire eccellente. E per più di un motivo.
Innanzitutto l’artista pugliese dimostra di essere musicista a tutto tondo facendosi apprezzare sotto svariati aspetti, primo fra tutti quello compositivo. Come già detto quasi tutti i brani sono suoi e nello scrivere l’artista evidenzia un tratto quanto mai felice, con elementi di suggestiva introspezione che fanno capolino ora qui ora lì. Particolarmente interessantI, al riguardo, “A breath on wings”, “Ocean view” e “Tramonti di pioggia” mentre “Prigioniero del mare” ci riporta su territori di un mainstream vissuto comunque con originalità e consapevolezza.
Originalità e consapevolezza che ritroviamo nel Tamburino esecutore, dotato di una solida preparazione di base, di un tocco leggero ma sempre swingante, di una grande facilità improvvisativa e di una particolare ricchezza armonica.
Partendo da queste premesse, avrete già capito che l’album si fa ascoltare con grande interesse dalla prima all’ultima nota anche perché ,una tantum, il materiale non viene “trattato” ma lo ascoltiamo così come lo ascolteremmo dal vivo, eccezion fatta per "Stars in Box" in cui il pianoforte di Tamburrino si sovrappone ad una base , preregistrata, composta da organo, koto, violini ed un piano elettrico.

E restiamo ancora nel Sud per fare la conoscenza di un pianista e cantante che negli ultimi tempi ha firmato due nuovi album : Larry Franco , “Two in one – Philology W361” e “A crooner in the land of Dixie – Philolgy W362”.
Musicista di chiara impostazione swing, Larry Franco incide adesso per la Philology, cosa a prima vista piuttosto strana ove si tenga ben presente la linea perseguita dell’etichetta negli ultimi vent’anni; ma è lo stesso Paolo Piangiarelli, responsabile della Philology, a spiegare l’arcano nelle note che accompagnano il secondo album laddove afferma esplicitamente che la decisione di fare un’eccezione ed aprire al jazz tradizionale è dovuta al fatto che, a suo avviso, la “Jazz Society” di Larry Franco è “la migliore in assoluto in Italia, l’unica che sappia davvero celebrare i fasti e l’allegria del Dixieland, arricchendoli con intelligenti spunti di jazz moderno”.
Anche se l’analisi può forse peccare di eccessivo entusiasmo, non c’è dubbio alcuno che l’album sia di eccellente fattura grazie alla felice scelta del repertorio, al perfetto interplay tra band e crooner, e in particolare alla felice intuizione di Larry Franco che riesce a far rivivere brani come “Non sparate sul pianista” , “Marilù”, “Permettete signorina” alla riscoperta di quel patrimonio nostrano che per fortuna è oramai entrato nelle grazie di molti jazzisti.
Comunque, tra i due l’album che preferisco è “Two in one” dove Larry Franco duetta con alcuni dei migliori pianisti oggi in esercizio e non solo nel nostro Paese. Dado Moroni, Franco D’Andrea, Renato Sellani – tanto per citare qualcuno – sono nomi di assoluto livello internazionale ed in tutti i casi Larry regge perfettamente il confronto duettando da pari a pari con una maturità ed una duttilità davvero non comuni. Basti al riguardo ascoltare “Wild waves” e “Do you know what it means to miss New Orelans” con Franco D’Andrea o “Goodbye” e “Arrivederci” con Renato Sellani.

“Nemo profeta in patria” recita un vecchio detto che si adatta perfettamente alle vicende professionali di Claudio Zanghieri, un eccellente bassista che dopo essere “emigrato” in Germania ed essersi fatto lì apprezzare come talentoso musicista, adesso cerca di trovare i giusti apprezzamenti anche sul suolo patrio. E lo fa con un bell’album : “Claudio Zanghieri – Envisions - Jazzsick Records 5021 JS” .
Si tratta di un disco fusion , ma una fusion di qualità che rende merito al gruppo, una piccola multinazionale del jazz messa su da Zanghieri che ha voluto accanto a sé, per questa sua prima fatica da leader, l’altro italiano Cristiano Micalizzi alla batteria, l’ungherese Tony Lakatos ai sax tenore e soprano e il tedesco Christian Lohr all'organo Hammond e tastiere varie.
Il risultato è davvero notevole: il gruppo si muove con estrema compattezza ed affronta con eguale disinvoltura sia i brani più mossi come “Never alone” (in cui risulta evidente un qualche influsso dei Weather Report), sia le ballad (splendida “Castle March” impreziosita da assoli del leader e di Christian Lohr). In ogni brano si evidenzia, comunque, un senso della misura dovuto alla sapiente regia del laeder che non si è accontentato di firmare tutte le composizioni, ma le ha altresì arrangiate e prodotte... oltre ad aver suonato diversi tipi di basso acustico, elettrico e synt...insomma una prova da musicista completo sotto ogni punto di vista.
Se ne accorgeranno in Italia? Il dubbio è obbligatorio!
commenta commenta ( 9 visite )  |  permalink

Da Bixio a Tenco, novità in libreria
giovedì, 10 gennaio, 2008, 19:44 - Recensioni
Il mercato editoriale ci propone due belle novità dedicate rispettivamente a Luigi Tenco e alla celeberrima canzone “Mamma”.
A questo punto molti lettori si staranno chiedendo come mai trovino ospitalità tra queste colonne, prevalentemente dedicate al jazz, due volumi che almeno in apparenza sono distanti anni luce dalla musica afro-americana.
Ebbene, la risposta è quanto mai semplice: innanzitutto perché si tratta di libri che vale la pena leggere, in secondo luogo perché quando si parla di musica con competenza tutto si tiene in un contesto più generale in cui – come vi accorgerete anche dalla lettura dei libri in oggetto – il jazz ricopre oramai un ruolo non secondario.
Ma entriamo, adesso, più nello specifico.

“Il mio posto nel mondo – Luigi Tenco cantautore” a cura di Enrico de Angelis, Enrico Deregibus e Sergio Secondiano Sacchi, BUR pgg.574 €12,00 è il volume più completo che sia stato finora dedicato al celebre cantautore. Nato per iniziativa del Club Tenco, è una sorta di puzzle, molto complesso e variegato, in cui uno accanto all’altro si ritrovano interventi di carattere assai diversi ma uniti dallo scopo finale: lumeggiare al meglio la figura dell’artista mettendone in luce le caratteristiche più importanti e trascurando quegli aspetti morbosi che pure hanno accompagnato – e non poteva essere diversamente – la sua tragica fine. Non a caso, oltre al presidente della Camera che ha firmato la prefazione, sono oltre duecento i personaggi che in vario modo hanno collaborato all’opera con contributi per lo più inediti. Impossibile ricordarli tutti in questa sede anche se qualche nome lo si può fare giusto per dare un’idea dell’importanza di tali “collaboratori”: da Salvatore Quasimodo a Fernanda Pivano, da Francesco De Gregori a Giorgio Calabrese…fino a Giovanna Marini e Paola Turci.
Di qui un affresco a tutto tondo in cui emerge chiaramente non solo la figura del Tenco arista ma anche e forse soprattutto quella dell’uomo Tenco, inserito in un contesto socio-economico che tanto importante è stato per il successivo sviluppo del nostro Paese.
Dato l’ampiezza del materiale, assai opportunamente i curatori lo hanno diviso in tre grandi sezioni: “INTORNO” dedicato al contesto in cui si è mosso Luigi Tenco, “DURANTE” che esamina in particolare le canzoni e il percorso artistico del cantautore piemontese, “DOPO” che tratta quanto accaduto successivamente al 1967, il tutto preceduto da una sorta di lunga introduzione in cui i tre curatori del libro “conversano” ponendo sul tappeto i loro personali ricordi su Tenco.
Personalmente ho gradito di più la prima parte del volume che tratteggia in modo assai intelligente le condizioni dell’Italia tra la fine degli anni ’50 e la fine degli anni ’60. Così per ogni anno viene descritto un quadro sintetico ma quanto mai chiaro che ci riconduce, passo dopo passo, alla riscoperta di tanti elementi che troppo spesso abbiamo colpevolmente dimenticato.
In tale contesto di particolare rilievo gli interventi della Pivano e di Sergio Secondiano Sacchi dedicati rispettivamente “Alla radice del dissenso di Tenco” e a “La musica che gironzolava intorno”. Come accennavamo in apertura, in queste pagine risulta chiaramente l’amore di Tenco verso il jazz e quanto importante sia stata questa musica nella formazione artistica del giovane cantautore.
Formazione che il volume segue passo dopo paso e approfondisce soprattutto nella seconda parte dove vengono prese in considerazione tutte le canzoni con un’analisi che va oltre il fatto meramente musicologico per scendere nelle più profonde motivazioni che hanno spinto in una certa direzione il Tenco poeta.
Insomma un volume che si fa leggere con grande interesse dalla prima all’ultima pagina.

Di impostazione completamente diversa il secondo volume “Alle origini di uno stereotipo italiano MAMMA La canzone più famosa di C.A.Bixio nella testimonianza dei figli Carlo e Franco Bixio e nel racconto di Sabina Ambrogi” – donzelli canzoni – pgg.152 € 16,00.
A giudicare dal titolo sembrerebbe un volume interamente dedicato a questa celeberrima canzone, ed invece anche in questo caso i curatori hanno pensato bene di storicizzare il tutto nel tentativo, perfettamente riuscito, di fornire un quadro dell’Italia che fu.
Così accanto all’approfondita narrazione delle vicende umane ed artistiche di C.A.Bixio troviamo tutta una serie di annotazioni mai banali o superflue che connotano assai bene il periodo in cui il racconto si svolge. Di qui una vividezza di immagini che si trasmette pagina dopo pagina e che rende la lettura del libro quanto mai appassionante.
Quindi una storia della musica che si svolge parallelamente ad una storia del costume nel cui ambito “Mamma” ,come afferma Sabina Ambrogi, rappresenta l’identità italiana costruita sulla figura materna.
Ma questo brano ha rappresentato anche qualcos’altro ed è anche grazie a queste ulteriori caratteristiche che è divenuto un brano immortale, eseguito in tutto il mondo.
Innanzitutto nell’ambito dello show-business italiano “Mamma” è stato il primo pezzo “leggero” che con voluta determinazione viene lanciato come oggetto di consumo, e il lancio viene pianificato ed attuato attraverso tutti i mezzi allora disponibili, vale a dire i 78 giri, la radio, il cinema, le sale da ballo. Ed al riguardo particolarmente interessanti le notazioni circa il rapporto che allora legava il cinema e la canzone.
In secondo luogo sul piano del linguaggio “Mamma” rappresenta forse il punto di sutura tra la canzone “classica” proveniente dalla romanza e la cosiddetta “canzone nuova” assumendo così connotazioni linguistiche tali da consentirne la traduzione praticamente in tutti gli idiomi, dall’inglese al francese, dallo spagnolo al portoghese, al tedesco…
E così il miracolo si perpetua fino ai nostri giorni con grandi artisti che non disdegnano di misurarsi con questo pezzo che oramai rappresenta una fetta importante della nostra storia musicale…e non solo.
commenta commenta ( 12 visite )  |  permalink

Tanti cari auguri, Sergio!
giovedì, 10 gennaio, 2008, 19:42 - Appuntamenti
Sergio Coppotelli, chitarrista di vaglia, festeggia il I febbraio prossimo i primi 60 anni di carriera e lo fa con una grande festa all’Alpheus di Roma; per il concerto si esibirà il quintetto dello stesso Coppotelli completato da Cristiana Polegri (Sax e voce), Cinzia Gizzi (piano), Pino Sallusti (contrabbasso) e Marco Rovinelli (batteria); ma nel corso della serata dovrebbero salire sul palco, come graditi ospiti, alcuni dei musicisti che negli anni hanno collaborato con lui quali, tanto per citare qualche nome, Maurizio Giammarco, Stefano di Battista, Stefano Sabatini, Roberto Gatto, Giampaolo Ascolese, Giovanni Tommaso, Marcello Rosa…
In effetti tanti anni sono passati da quell’oramai lontano 1948 quando fu tenuto a battesimo da Bruno Martino che lo volle con se dopo averlo ascoltato in una jam session in cui erano presenti anche Piero Piccioni, Armando Trovaioli, Nunzio Rotondo, Carlo Loffredo, De Carolis.
Da allora Coppotelli di strada ne ha fatta tanta collaborando con alcuni dei più grandi musicisti del jazz internazionale ed al riguardo c’è un ricordo che Sergio mantiene sempre vivo nel cuore, il complimento che gli fece Gli Evans davanti a tutti i colleghi della Big Band della RAI di cui ha fatto parte per molti anni : “Sergio, I’m glade to hear you”.
Per festeggiare al meglio questi 60 anni di carriera, uscirà un nuovo disco edito dall’Alfa Music Studio di Roma significativamente intitolato “Sergio Coppotelli “Goin’ solo” (60 years in Jazz guitar)” tratto da una session registrata dal vivo alcuni anni fa e che presenta il chitarrista per la prima volta impegnato in un difficile album per solo chitarra eccezion fatta per un brano in cui duetta con Jim Hall.
commenta commenta ( 6 visite )  |  permalink

Rivive il Jazz-Rock
giovedì, 10 gennaio, 2008, 19:41 - Appuntamenti
Alla Casa del Jazz e alla Stazione Birra di Roma

“I SING THE BODY ELECTRIC” (dall’Ode al corpo elettrico di Walt Whitman, rilanciata in musica da Joe Zawinul e dai Weather Report) è il titolo di una lunga rassegna monografica di quello che è stato il ’68 del jazz e che dominerà il mese di gennaio alla Casa del Jazz e alla Stazione Birra, attraverso concerti , incontri con i maestri internazionali del passato e del presente, ascolti e visioni di documenti sonori e filmati spesso inediti, nella rievocazione storica e non meramente nostalgica di un linguaggio che, dopo quarant’anni, continua a rinnovarsi e a fecondare le musiche più diverse della scena contemporanea.
“I SING THE BODY ELECTRIC. 40 ANNI DI JAZZ-ROCK” vuole proporre il 2008 come anno del jazz-rock: del jazz elettrico, del rock d’avanguardia, e di tutte le correnti musicali che in qualche modo sono oggi eredi del quarantennale eclettismo, dell’atteggiamento antidogmatico, della visione aperta e globale delle culture musicali a cui il jazz-rock ci ha educato. La rassegna si svolge sotto la direzione artistica di due personaggi che si sono distinti tra i principali promotori di questo movimento musicale in Italia: GIANFRANCO SALVATORE (una cattedra in Civiltà Musicale Afroamericana all’Università del Salento, una serie di libri fra cui “Miles Davis, lo Sciamano Elettrico”, una lunga esperienza di ibridazioni musicali sfociata nel 1998 nell’ideazione e direzione del festival “La Notte della Taranta”, e una parallela carriera come musicista fra jazz, etnica ed elettronica) e LUCIANO LINZI, oggi a tutti noto come direttore della Casa del Jazz, ma negli anni Ottanta e Novanta tra i più illuminati produttori discografici in Italia: fu lui a lanciare, attraverso l’etichetta Gala Records, gruppi come i Lingomania, il quartetto elettrico di Roberto Gatto, la fase elettrica di Enrico Rava, e altre significative esperienze della seconda ondata del jazz elettrico italiano, dopo la fase pionieristica di formazioni come il Perigeo e i Dedalus, gli Agorà e Picchio Dal Pozzo.Accanto a loro la collaborazione di Guido Bellachioma,responsabile di Stazione Birra,locale che in questi anni ha fatto del jazz-rock e del progressive rock il suo cavallo di battaglia.
Il programma, si svolgerà nella quasi totalità alla Casa del Jazz,con tre concerti a Stazione Birra
.Dopo l’incontro-anteprima di martedì 8 gennaio dedicato ai pionieri del jazz-rock,”I sing the body electric” si aprirà giovedì 10 gennaio alla Casa del Jazz, con l’incontro sui “Davisiani” in particolare Chick Corea e Herbie Hancock condotto da Gianfranco Salvatore.Venerdi 11 gennaio doppio appuntamento dedicato a John McLauglin e alla Mahavishnu Orchestra, alle 19 l’incontro con Gianfranco Salvatore con ascolti e visioni di brani e filmati rari ed inediti,e alle 21 concerto del Radio String Quartet Vienna che in collaborazione con il Forum Austriaco di Cultura di Roma presenteranno “Celebrating the Mahavishnu Orchestra” prima esibizione italiana dell’ensemble austriaco.
Sabato 12 gennaio altro doppio appuntamento:alle 19 incontro condotto da Maurizio Favot su Miles Davis e alle 21, il concerto di Baba Yoga, l’ensemble elettroacustico diretto da Gianfranco Salvatore, che trova la sua anima jazzistica nel sax di Daniele Tittarelli e nella batteria di John Arnold, affidando le ibridazioni elettroniche ed etniche al talento di Danilo Cherni, Arnaldo Vacca e Adriano Lo Giudice. A Zawinul, scomparso pochi mesi fa, sono dedicati anche due “progetti speciali” della rassegna: quello di domenica 13 gennaio alla Casa del Jazz, riunito dal virtuoso bassista Pippo Matino con i suoi partner abituali e l’altro, venerdi 18 gennaio con Rocco Zifarelli e musicisti di varia nazionalità , presentato a Stazione Birra.Sempre domenica 13gennaio ascolti e visioni dedicati a Davis,Zawinul e Shorter,mentre martedì 15 gennaio incontro sul jazz_rock italiano con ospite Maurizio Giammarco.
Mercoledi 15 doppio appuntamento,alle 19 incontro dedicato ai Dedalus,uno dei gruppi storici del jazz.-rock italiano,con ospite Furio di Castri,che giovanissimo ha militato nel gruppo,alle 21 concerto con Guitar Madness, tre virtuosi della chitarra elettrica più sezione ritmica, guidati da Fabio Mariani in un concerto che già si annuncia pirotecnico.
Un evento straordinario sabato 19 gennaio alla Casa del Jazz: la testimonianza del Perigeo nella formazione originale: un meeting senza precedenti che, oltre a ricostruire la vicenda del gruppo-leader del jazz-rock italiano attraverso il racconto dei protagonisti, promette anche l’esecuzione in esclusiva di alcuni brani.
Domenica 20 gennaio doppio appuntamento alle 12 la Fidus Band e alle 19, l’incontro con i leggendari Area di Patrizio Fariselli e Ares Tavolazzi.
Martedì 22 gennaio alle 19 incontro sull’eredità del jazz-rock con ospite David Nerattini,alle 21 concerto,unica data italiana, di David Torn, il chitarrista che meglio si muove sperimentalmente tra jazz, rock e world music, con il quartetto “Prezens” condiviso con il sassofonista Tim Berne.
Mercoledì 23 gennaio altro doppio appuntamento con alle 19,Laurent Cugny, musicista e musicologo, autore di dischi e libri importanti, il più illustre esegeta di Gil Evans e di Miles Davis in Francia alle 21, Christian Scott, la giovane stella trombettistica del “Nu Jazz”, col suo quintetto.
Giovedì 24,edizione speciale di Jammin the book con presentazione di libri sul jazz.rock in Italia,su Miles Davis,Jaco Pastorius e altri,in particolare il libro dedicato a Miles Davis”.Lo sciamano elettrico” di Gianfranco Salvatore
Venerdi 25 gennaio alla Casa del Jazz incontro e concerto con Wolfgang Dauner, il musicista più importante ed eclettico del jazz-rock tedesco degli anni Settanta,in collaborazione con il Goethe Institut.Sempre venerdi 25 gennaio a Stazione Birra, i sempiterni i Napoli Centrale di James Senese, che tra alterne vicende e cambi di formazione rappresentano la formazione più longeva del jazz-rock italiano.
Sabato 26 doppio appuntamento:alle 19 incontro sul jazz_rock inglese con ospite Ernesto Assante e alle 21 concerto con; la modernissima band dei Kneebody, bandiera di un jazz-rock aggiornato agli anni Duemila.
Domenica 27 alla Casa del Jazz concerto di un altro maestro degli anni Settanta formatosi a Napoli, Francesco Bruno, col suo nuovo trio Huacapù.
Inoltre, a uno strumento che ha conosciuto una vera e propria rivoluzione grazie al jazz-rock, il basso elettrico, sarà dedicata la giornata di domenica 27 gennaio a Stazione Birra con incontri, stage,clinics e la particolare serata “I Sing the Bass Electric” dove alcuni maestri americani, fra cui Fernando Saunders (partner dei più grandi chitarristi elettrici della storia: John McLaughlin, Jeff Beck, Jimmy Page, Eric Clapton), si avvicendano con il virtuoso italiano Lorenzo Feliciati.
Martedì 30 gennaio altro doppio appuntamento alla Casa del Jazz,alle 19 incontro con Aldo De Scalzi e alle 21 concerto con Richard Sinclair, l’eccentrico leader di gruppi storici come i Caravan e gli Hathfield and the North, impegnato in un originalissimo duo.
A degna conclusione della rassegna,giovedì 31 gennaio alla Casa del Jazz, a incarnare la più avanzata eredità di quarant’anni di sperimentazione che hanno visto gli artisti italiani in una posizione di primo piano, si esibiranno i “3Cycles” guidati da Maurizio Giammarco con Dario Deidda e John Arnold.
commenta commenta ( 5 visite )  |  permalink

Stefano Bollani "musicista dell’anno 2007"
giovedì, 10 gennaio, 2008, 19:38 - News
Stefano Bollani ha vinto l’ European Jazz Prize (Hans Koller Preis) come Musician of the Year 2007 (Musicista dell’anno 2007)
Appena pubblicato il suo ultimo lavoro Bollani Carioca per l’Espresso-La Repubblica, e dopo una lunga tournèe che lo ha portato a suonare nella Favela Pereira da Silva a Rio de Janeiro, primo europeo, italiano, al mondo a suonare in una favela ( in mezzo ad una piazza), poi in Argentina e quindi in una lunga tournèe nei paesi scandinavi, Bollani ha ricevuto l’ambitissimo premio il 14 dicembre a Vienna.
Una giuria specializzata in rappresentanza di 23 Paesi europei lo ha acclamato miglior musicista dell’anno 2007.
Un riconoscimento che arriva alla conclusione di un anno fervido di concerti e progetti, iniziato con la vincita del Top Jazz, referendum annuale della rivista Musica Jazz, come miglior musicista del 2006 e come miglior disco del 2006; l’intervento al Festival di Sanremo con Johnny Dorelli; la vincita del microfono di cristallo per la trasmissione radio Dottor Djembè per Radio3 con David Riondino, la segnalazione sulla rivista americana Down Beat come uno dei migliori pianisti al mondo, un disco con la Filarmonica’900 di Torino su Poulenc, un disco con Rava per l’ECM, l’esperienza teatrale con le musiche per Amleto di Lella Costa… insomma un anno importante pieno di riconoscimenti per un serio lavoro di un musicista che fa della fantasia, dell’amore, dello studio e del divertimento le sue armi migliori.
commenta commenta ( 5 visite )  |  permalink

Enrico Rava in vetta alle preferenze dei critici italiani
giovedì, 10 gennaio, 2008, 19:28 - Commenti
I risultati del referendum di Musica Jazz

Una volta all'anno la critica che in Italia segue le vicende del jazz fa confluire i suoi pareri su musicisti, gruppi e dischi in un importante referendum: è il "Top Jazz", atteso dagli appassionati, dai protagonisti stessi, da chiunque operi nel settore. A organizzarlo, fin dal 1982, è Musica Jazz, la rivista specializzata della Hachette Rusconi. E a rispondere, anche al chiudersi del 2007, è stata una sessantina di esperti. Quest'anno, poi, con una grande novità: il venticinquesimo "Top Jazz" era per la prima volta concentrato sul jazz italiano, la cui crescita artistica, oggi riconosciuta in tutto il mondo, ben meritava questo salto di qualità.
Ecco, quindi, i vincitori di ciascuna delle nove classifiche, formulate matematicamente dai voti dei critici. Per il "disco dell'anno" si è verificato un ex aequo tra "Al tempo che farà" di Paolo Damiani e "The Third Man" del duo Enrico Rava - Stefano Bollani (Ecm).
Come "musicista dell'anno" , ancora quella vecchia e cara conoscenza del mondo jazzistico nazionale, che risponde al nome di Enrico Rava; un ritorno è stato anche quello della Italian Instabile Orchestra, al pimo posto nella categoria "formazione dell'anno".
Di solito assai complessa e contrastata, la scelta del "miglior nuovo talento" è caduta, questa volta con netto margine, sul giovane pianista umbro Giovanni Guidi.
Ed ecco una per una tutte le categorie considerate. "Miglior compositore o arrangiatore" è risultato un musicista che è tornato a farsi sentire dopo anni di silenzio: Dino Betti van der Noot; tra gli ottoni (trombe, tromboni) a prevalere è stato il trombonista Gianluca Petrella; per le varie ance (sassofoni, clarinetti e simili) ha vinto il friulano Daniele D'Agaro; nella categoria che univa pianisti e chitarristi l'ex aequo ha premiato Stefano Bollani e Roberto Cecchetto ambedue strumentisti di grandissimo livello; infine tra i vari strumenti della sezione ritmica, uniti nell'occasione ai cantanti, scettro al batterista Roberto Gatto.
Nel suo numero di gennaio, in questi giorni in edicola, Musica Jazz pubblica integralmente le nove graduatorie e anche i voti, uno per uno, di ciascuno dei critici.
Visti i risultati, questa nuova formula del “Top Jazz” ci pare più interessante della precedente… ma allora perché non fare un uteriore salto di qualità e proporre tanti referendum quanti sono gli strumenti ( più ovviamente canto e arrangiamento) lasciando da parte inutili e a nostro avviso fastidiose commistioni?
commenta commenta ( 6 visite )  |  permalink

Siena Jazz vola a Toronto e New York
giovedì, 10 gennaio, 2008, 19:22 - News
Doppia trasferta americana per l'istituzione senese, sarà presente al Meeting Mondiale degli Educatori del Jazz

Prestigiosa trasferta per la Fondazione Siena Jazz, che sarà fra i protagonisti del 35° Meeting Mondiale degli Educatori di Jazz, aperta il 9 gennaio a Toronto in Canada. Tutto il mondo della musica, con oltre 7000 presenze di 40 Stati fra educatori, artisti, studenti e operatori del settore, affolleranno il Metro Toront Convention Centre, dove sarà presente anche uno stand della Fondazione Siena Jazz, unica istituzione didattica presente del nostro Paese. Per il presidente Franco Caroni e per il suo staff sarà un' importante occasione di incontro fra le scuole più affermate e per definire i contratti con i più grandi musicisti-docenti. Lo scopo primario è la realizzione di un master biennale che inizierà il prossimo ottobre a Siena, con la metà degli insegnanti proveniente dall'estero.
Il viaggio oltreoceano della Fondazione senese non tocca soltanto Toronto ma anche New York per consolidare la proficua collaborazione con la New York University, uno dei Conservatori più prestigiosi degli States che recentemente ha aperto le sue porte al jazz. Si sta, infatti, definendo l'accordo, in base al quale la Scuola senese, sarà il referente italiano per l'individuazione dei docenti della sede fiorentina dell'Università americana.
Due occasioni di incontro e di inizio di importanti collaborazioni, nel segno di Siena Jazz sempre più proiettata ad essere una delle capitali mondiali dell'insegnamento della musica.
commenta commenta ( 5 visite )  |  permalink

Il pianista Giovanni Guidi alla rassegna “Piazza…in Arte”
giovedì, 10 gennaio, 2008, 19:21 - Appuntamenti
E’ in corso di svolgimento la rassegna concertistica "Piazza..in Arte" 2007-2008 presentata dalla Accademia Musicale Siciliana "Enzo Randisi" .

La rassegna che compie il suo quarto compleanno propone cinque date di assoluto rilievo,dove le blue notes del Jazz incontrano le sonorità andaluse del Flamenco e i capricci di Paganini. Così dopo l’inizio del 20 dicembre affidato al pianoforte di
Stefano Bollani, il 5 gennaio ha visto protagonista il gruppo dei Noche Flamenca "Cante y Baile" che, come si evince dal nome, ha presentato un coinvolgente programma di flamenco andaluso.

Il 2 Febbraio sarà il giorno del giovane pianista Giovanni Guidi e del suo quartetto formato da Stefano Senni al contrabasso, dal giovane sassofonista americano Dan Kinzelmann e dal batterista portoghese Joao Lobo.

L'8 Marzo, il giorno della festa della donna, vedrà sul palco una giovanissima e talentuosa violinista russa, Masha Diatchenko, scoperta in Italia dal grande Maestro Ennio Morricone.

Il 19 Aprile chiuderanno la rassegna i Doctor 3:Danilo Rea al pianoforte, Enzo Pietropaoli al contrabasso e Fabrizio Sferra alla batteria.
commenta commenta ( 5 visite )  |  permalink

Grandioso successo per il Buenos Aires Italian Jazz Festival
giovedì, 10 gennaio, 2008, 19:20 - Commenti
La “cola” si forma due ore prima dello spettacolo. Una lunga fila ordinata di duemila spettatori che parte dall’ingresso del teatro Coliseo e circumnaviga metà dell’isolato, in pieno centro, per il Buenos Aires Italian Jazz Festival svoltsi nello scorso mese di dicembre
Così è successo per il quintetto di Enrico Rava (con Gianluca Petrella, Andrea Pozza, Rosario Bonaccorso, Roberto Gatto), per Danilo Rea, Javier Girotto e Luciano Biondini, per il sestetto di “Un incontro il jazz” (Gino Paoli, Enrico Rava, Danilo Rea, Flavio Boltro, Rosario Bonaccorso, Roberto Gatto) per la big band dell’Auditorium, la Parco della Musica Orchestra diretta da Maurizio Giammarco.
Diecimila persone, se si calcolano anche gli appassionati che, a tarda sera, hanno affollato gli incontri tra artisti italiani e argentini (“Entre il tango y el jazz”) organizzati alla Casa del Tango e gli spettatori della rassegna di cinema musicale che si è svolta allo Espacio Incaa della capitale sudamericana. Come ha scritto il critico musicale Jorge Fondebrider, “Si tratta, in sostanza, di quattro giorni imperdibili per entrare in contatto diretto con il miglior jazz italiano attuale e per scoprire una nuova forma di bellezza”.
In quattro giorni la spedizione dei trenta musicisti italiani a Buenos Aires - organizzata dalla Fondazione Musica per Roma - ha raccolto gli applausi, gli autografi e l’entusiasmo del popolo porteño e della comunità italo-argentina. E le prime pagine dei giornali. La Nacion per esempio, ha titolato a cinque colonne: “EL NUEVO DESEMBARCO ITALIANO. Un festival de cine, música y multimedia traerás lo mejor del jazz de la península a Buenos Aires”.
“Questi appuntamenti, ideati per far conoscere meglio a questo grande Paese una parte consistente del nostro patrimonio musicale, hanno generato un entusiasmo contagioso. – ha dichiarato Carlo Fuortes, Amministratore delegato della Fondazione Musica per Roma – Il Buenos Aires Italian Jazz Festival è la prima tappa della tournèe sudamericana che toccherà Santiago del Cile, Guadalajara, Sao Paolo e Caracas e che ci permetterà di far conoscere il valore del jazz italiano attuale e di favorirne l’incontro con le diverse espressioni culturali”.
commenta commenta ( 6 visite )  |  permalink

Un nuovo biglietto da visita
giovedì, 10 gennaio, 2008, 18:55 - Editoriali
Chi ha buona memoria ricorderà certamente come una decina d’anni fa infuriasse sulle riviste specializzate e sulle pagine dei maggiori quotidiani una polemica che investiva direttamente i jazzisti italiani, colpevoli, a detta di molti , “ di non saper tenere il palco”.
In buona sostanza si sosteneva, non senza fondamento, che i nostri musicisti, concentrati sulla musica, poco o nulla si preoccupavano dello “spettacolo”, ossia del fatto che un concerto è fatto sì per essere ascoltato ma anche per essere visto.
E giù con gli immancabili paragoni soprattutto con i musicisti americani: loro sì che sapevano come intrattenere il pubblico, loro sì che avevano la giusta idea dello show, loro sì che sapevano trovare il giusto mix tra impegno e divertimento…e per tutti si citava il caso di Sonny Rollins che, pur dall’alto della sua immensa classe, sempre amava “gigioneggiare” dinnanzi al proprio pubblico.
Adesso questo problema è stato superato: artisti come Rava, Fresu, Bollani nulla hanno da imparare neppure sotto questo aspetto e si può ben dire che ogni loro performance si risolve in uno “spettacolo” di assoluto livello , con il coinvolgimento completo, , del pubblico.
Superato un ostacolo se ne presenta però un altro: ho la forte impressione- e parlo per esperienza diretta – che i nostri musicisti stiano in questo momento trascurando l’importanza dell’ “immagine”.
Mi spiego meglio: non c’è dubbio che oggi, per un musicista, il ruolo del CD come biglietto di presentazione stia per essere sostituito dal DVD o da qualsivoglia altro supporto che certifichi non solo la musica prodotta ma anche l’impatto visivo dell’artista, del gruppo.
Questa considerazione è suffragata dal fatto che mentre le vendite dei dischi languono, l’unico settore a registrare qualche tendenza in avanti è proprio quello del DVD segno evidente che una buona fetta di pubblico non si accontenta più solo di ascoltare ma vuole anche vedere.
Per non parlare, poi, del fatto che magari si può essere intervistati da una stazione televisiva che non essendo particolarmente “versata” in materia jazzistica, chiederà qualche filmato di repertorio.
Ebbene sono davvero pochi, anzi pochissimi i musicisti “nostrani” che sembrano considerare anche questo lato della “professione”, che si stanno attrezzando sotto questo aspetto: non ci si pensa o nella migliore delle ipotesi si ritiene che alla bisogna un qualche filmatino si finisce col trovarlo.
Errore madornale perché una cosa è recuperare in fretta e furia un video di qualsivoglia fattura, atra cosa è avere a disposizione e poter quindi presentare una serie di immagini , di buona qualità, da voi stessi selezionate e curate, fermo restando che il problema è davvero di facile soluzione: sarebbe sufficiente qualche buona ripresa eseguita durante un concerto.
Ci si potrebbe obiettare: ma non dovrebbe essere questo uno dei compiti delle case discografiche? Forse sì ma in un contesto in cui i dischi jazz si vendono poco, alcune delle maggiori case discografiche non promuovono neanche i nuovi album, le case di distribuzione non si segnalano per grande sagacia di marketing, crediamo non ci sia spazio per queste tematiche.
Di qui una sola ed unica soluzione, un classico e sempre funzionante fai da te.
E allora amici, coraggio, rimbocchiamoci le maniche, diamoci da fare anche da questo versante e prepariamoci a fornire, qualora richiesti, anche del materiale video…vedrete potrà essere utile, molto utile!
commenta commenta ( 11 visite )  |  permalink


<<Inizio <Indietro | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | Avanti> Fine>>